Comunicati stampa

Ascensori rotti a scuola: il caso al liceo MIBE di Pescara

0

Arriva la segnalazione oggi (18/10/2019) sul “Centro” di Pescara da parte di un genitore di una ragazza diversamente abile, alunna del liceo MIBE di Pescara.

Da più di un mese, dei 4 ascensori presenti all’interno della sede provvisoria di Via Passolanciano, ne funziona solo uno parzialmente. Il padre della ragazza, sconfortato dal protrarsi di questa situazione inizialmente dichiarata momentanea, si ritrova quotidianamente a dover portare in spalle la propria figlia fino alla sua aula al secondo piano.

La situazione, ormai insostenibile e pericolosa, è stata segnalata anche dalla dirigente scolastica Raffaella Cocco. La Provincia, preposta alla gestione ordinaria e straordinaria dell’edilizia scolastica, è stata sollecitata più volte tramite e-mail, PEC e telefonate, che non hanno però mai sortito nessun tipo di risposta in merito ad un intervento che dovrebbe essere immediato, a tutela della sicurezza di tutto il personale ATA, dei docenti e soprattutto degli studenti. In questo caso, la situazione è aggravata dalla mancata tutela e assistenza dovuta a chi non possiede piena mobilità fisica per muoversi all’interno degli edifici scolastici.

“ Il Presidente Zaffiri è incaricato, anche moralmente, a rispondere tempestivamente, soprattutto in casi di tale emergenza.” – afferma Vittoria D’Antonio di Ginestra –

“Nel 2019 è inconcepibile un tale immobilismo istituzionale dinnanzi ad un dovere che garantisca di usufruire del diritto allo studio senza nessun tipo di rischio.”

Pescara 18/10/2019

Presentazione Associazione Ginestra

Previous article

Un centinaio di ragazze e ragazzi per la Costituzione di Ginestra

Next article

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *